Comunicare non è importante, è l'unica cosa che conta.

Come essere soddisfatti di una vita frenetica? Come fronteggiare paure, limiti e aspettative senza subire l’ansia dei fallimenti? Animati dal fuoco della passione, queste sfide possono essere viste sotto una luce completamente diversa.

Molti uomini hanno una vita di quieta disperazione: non vi rassegnate a questo, ribellatevi, non affogatevi nella pigrizia mentale, guardatevi attorno. Osate cambiare, cercate nuove strade.

Con queste parole, il famoso professor Keating de L’attimo Fuggente cerca di ispirare i suoi alunni per raggiungere gli obiettivi della vita, ma egli non fa altro che descrivere la passione, ovvero ciò che stimola tutta l’esistenza umana.

Passione e neuroscienze

Le persone passionali sono quelle che nei loro primi anni di vita hanno potuto sviluppare appieno l’area del cervello legata alla ricompensa, ossia la zona deputata a farci provare desiderio. Situata nella parte più ancestrale dell’encefalo, quest’area, chiamata “nucleo accumbens”, ci fa provare piacere ogni volta che raggiungiamo un obiettivo e otteniamo un riconoscimento. Ciò accade grazie alla liberazione di sostanze come la dopamina e le endorfine. In questo modo, siamo stimolati a provare sempre nuove emozioni e a raggiungere quegli obiettivi che ci danno soddisfazione.

Essere passionali, quindi, significa essere in grado di ragionare fuori dagli schemi, uscire dalla zona di comfort, accettare la fatica con impegno per raggiungere sempre nuovi obiettivi e rendere reali i desideri. Inoltre è importante trovare gioia nell’attesa, coltivandola come un percorso di crescita, senza la fretta di raggiungere il traguardo.