Il carisma è una caratteristica che si associa spesso alle persone di successo e ai leader. Ma carismatici si nasce o si diventa? Si è leader perché si è carismatici o il contrario. Quali sono le doti di un vero leader carismatico?

Il gene del carisma

Recenti studi legati alle neuroscienze avrebbero individuato un gene specifico, il rs4950, a cui attribuire le capacità carismatiche di un individuo. Secondo gli studiosi, questo gene sarebbe in grado di regolare l’acetilcolina, un importante neurotrasmettirore legato alla personalità e alla capacità di raggiungere gli obiettivi.

Se così fosse, i leader sarebbero dei predestinati. Persone nate con capacità ben definite, in grado di trascinare e influenzare gli altri. Per fortuna non è così: la predisposizione al carisma va coltivata attraverso una grande attenzione nel costruire i propri comportamenti.

Come fare, allora, per diventare carismatici?

Chi sono le persone con carisma

Prima di avventurarci nella descrizione di alcuni atteggiamenti utili per migliorare il proprio carisma e la propria attitudine a essere leader, è necessario comprendere al meglio che cosa si intende quando si definisce una persona carismatica.

Secondo gli studiosi, una persona con carisma è in grado di eccellere in due ambiti distinti: il task positive network e il default mode network

Il task positive network

Questo primo ambito ha a che fare con il funzionamento degli aspetti cognitivi dell’individuo. Una persona carismatica, quindi, è una persona che raggiunge gli obiettivi. È in grado di risolvere problemi, di prendere decisioni e di focalizzare l’attenzione sugli argomenti di volta in volta più rivelanti.

Il default mode network

Il secondo ambito, invece, ha a che fare con la sfera relazionale dell’individuo. Chi ha carisma, quindi, ha buone doti etiche e sociali, è in grado di entrare in sintonia con gli altri anche attraverso l’uso di soluzioni creative.

Carismatici si diventa

Compreso che il carisma è molto legato alla propria intelligenza emotiva e alla capacità di vivere in armonia con gli altri, il miglior modo per aumentarlo consiste nel lavorare su se stessi e sulla propria capacità di dialogare con gli altri. Vediamo come.

  1. L’autostima

È il primo imprescindibile punto su cui lavorare. Impossibile sviluppare il carisma se non ci si piace. Ciò che comunichiamo esternamente, parte sempre da ciò che comunichiamo a noi stessi. Credere in se stessi e nelle proprie capacità è fondamentale per far si che gli altri possano avere fiducia in noi. Per migliorare la propria autostima è necessario avere una grande consapevolezza dei propri pregi e dei propri difetti.

2. Coltivare l’autoirona

Di pari passo con l’autostima, di cui è conseguenza diretta, l’autoironia determina una grossa fetta della propria capacità carismatica. Avere consapevolezza di sé permette anche di saper ridere di se stessi. Conoscere i propri difetti permette di non soffrire se qualcuno ce li fa notare. Chi è autoironico conosce come prendere in giro propri i punti di forza, in modo da creare sempre maggiore empatia con gli altri.

3. Sorridere

Può sembrare banale, ma un buon sorriso vale spesso più di mille parole. Essere solari e allegri è il miglior modo per attirare le persone verso di sé. Un sorriso è in grado di abbattere barriere e avvicinare anche personalità molto lontane. Imparare a essere sorridenti è la via per ottenere il massimo dagli altri, qualità imprescindibile per un leader.

4. Lavorare sulla voce

Come parliamo ha lo stesso valore, se non addirittura maggiore, di ciò che diciamo. Imparare a modulare il proprio tono di voce può fare la differenza in una comunicazione. Allo stesso modo, le pause e le interruzioni sono fondamentali per dare significato al contenuto. Suscitare l’interesse altrui attraverso l’utilizzo del tono di voce è una caratteristica fondamentale di ogni persona carismatica.