Comunicare non è importante, è l'unica cosa che conta.

La forza del dialogo nell’era digitale

Il libro di Sheryy Turkle "La conversazione necessaria"

Viviamo in un mondo che sempre più sacrifica i piaceri e i benefici della conversazione sull’altare delle tecnologie digitali. Parliamo con un amico, ma nel frattempo diamo più di un’occhiata allo smartphone, e spesso i nostri figli si lagnano se non hanno tra le mani un dispositivo elettronico. Viviamo costantemente in un altrove digitale. Ma per capire chi siamo, per comprendere appieno il mondo che ci circonda, per crescere, per amare ed essere amati, dobbiamo saper conversare. La perdita della capacità di parlare «faccia a faccia» con gli altri con empatia, imparando nel contempo a sopportare solitudine e inquietudini rischia di ridurre le nostre capacità di riflessione e concentrazione.