Comunicare non è importante, è l'unica cosa che conta

La resistibile ascesa del net-liberismo e il dilagare della stupidità digitale

Cervelli sconnessi

La grande mutazione di internet e dei nuovi media ci conduce verso un’era di maggiore democrazia e informazione? O, al contrario, questa nuova epoca è portatrice di nuove forme di controllo e dominio? A più di venti anni dalla diffusione del Web, questo volume di Giuliano Santoro – autore di “Un Grillo qualunque”, il primo libro che ha analizzato il fenomeno del Movimento 5 Stelle – mette in fila storie, idee e dati per sostenere una terza ipotesi: la legge del profitto e l’ideologia della concorrenza a tutti i costi stanno imbarbarendo il livello medio delle reti telematiche, livellando verso il basso i contenuti, frustrando le istanze di partecipazione e sfruttando la voglia di condividere saperi e passioni. Prendendo le mosse dalla situazione italiana, cioè dal Paese in cui l’accesso di massa a Internet ha segnato l’ennesimo peggioramento del dibattito pubblico, questo testo ricostruisce la storia della Rete, segnata fin dall’inizio dalla paradossale e inconsapevole collaborazione tra le controculture statunitensi e i laboratori del comparto militare-industriale. Per arrivare a interrogarsi sull’oggi: la quotazione in borsa di Twitter, lo scandalo del Datagate, le sperimentazioni “tecnopolitiche” dei movimenti sociali e il dilagare online delle teorie del complotto e delle leggende digitali, che in Italia si sono riversate in piazza coi cosiddetti “forconi”. Un libro per comprendere dove sta andando il Web. E, in buona sostanza, la nostra democrazia.